I Vigili del Fuoco docenti della sicurezza

La Protezione Civile è la somma delle attività per la salvaguardia della vita, dell'ambiente e degli insediamenti, ma soprattutto è una rete sinergica di rapporti tra soggetti diversi la cui funzione è anche quella di diffondere la cultura della sicurezza, della solidarietà, del rispetto, della cittadinanza attiva e del senso civico.

Il luogo ideale per la diffusione della cultura di protezione civile è senza dubbio la scuola: infondere nei giovani il messaggio di solidarietà, partecipazione, condivisione, rispetto, sicurezza, rappresenta un importante investimento culturale e sociale. Il traguardo di una collettività sempre più partecipe, più coinvolta nella vita pubblica, più sensibile a fenomeni e mutamenti dei contesti ambientali e sociali, più consapevole del suo ruolo attivo non può prescindere dal coinvolgimento del mondo della scuola. La cultura di protezione civile fluisce dai giovani studenti alle famiglie favorendo la crescita collettiva e la diffusione di comportamenti virtuosi.

Gli incontri formativi possono svolgersi direttamente nelle sedi scolastiche oppure durante le visite degli studenti presso la sede operativa della Caserma Centrale dei Vigili del Fuoco di Napoli. Gli argomenti trattati riguardano i rischi naturali relativi all'ambiente domestico e all'ambiente scolastico, proposti prevalentemente attraverso lo strumento delle presentazioni di powerpoint di facile apprendimento ed orientate all'accrescimento della consapevolezza del rischio attraverso la conoscenza delle risposte comportamentali più appropriate.

L'Ufficio Protezione Civile del Comando Provinciale VV.F. Napoli si trova presso la sede centrale in via Leopoldo Tarantini 1 - tel.0812595214/334 - fax.0812595189

Botti proibiti, artificieri a scuola: "A Capodanno non rischiate"

 Botti proibiti, artificieri a scuola: "A Capodanno non rischiate"

I militari, appartenenti al 21mo Reggimento Genio Guastatori, unità della Brigata Bersaglieri “Garibaldi” di Caserta, hanno illustrato ai ragazzi i possibili pericoli derivanti da un uso improprio dei fuochi d'artificio. Con gli artificieri presenti anche i professori. Si avvicinano le festività e l'argomento diventa nuovamente attuale: l’obiettivo dell'incontro è stato sensibilizzare, in particolar modo i più giovani, sui rischi che si corrono nel maneggiare con superficialità i cosiddetti “botti”, ancor di più se acquistati illegalmente – dei veri e propri “ordigni esplosivi”.

Parlando ai ragazzi, il messaggio più ricorrente dei militari è stato l'invito a perseguire la sicurezza attraverso “procedure e regole”: rifiutare fuochi illegali, e seguire scrupolosamente le istruzioni d'uso.“ 

                                                  

Il MarkV-A1 è un robot artificiere progettato dalla Northrop Grumman Corporation. Fa parte della linea Remotec ANDROS, che include altri robot EOD. Il MarkV pesa circa 360 kg e le sue dimensioni sono quelle di una falciatrice. Con il suo braccio manipolatore completamente esteso, l'altezza del robot è di 2,4 metri. Il sistema battistrada è progettato per attraversare terreni difficili. Il MarkV-A1 può essere armato con i perforatori ad acqua e ad alta pressione, per disabilitare le bombe, o se necessario, un fucile. In totale, il MarkV-A1 dispone di quattro telecamere a colori, inclusa una telecamera montata su uno dei poli sporgenti dalla parte superiore del robot. Esso dispone anche di diversi microfoni, luci ed una serie di altri sensori. 

Un team di artificieri del 21° Reggimento Genio Guastatori, unità della Brigata Bersaglieri “Garibaldi” di Caserta, è stato presente presso L’IC NOVARO CAVOUR per illustrare ai giovani studenti i pericoli derivanti dall’uso incauto o improprio dei fuochi artificiali.

L’argomento torna prepotentemente alla ribalta in vista delle imminenti festività natalizie. Gli artificieri sono saliti in cattedra, alla presenza dei professori in relazione ad un importante progetto di Legalità a favore degli studenti, posto in essere tra la Dott.ssa Luisa Franzese ed il Generale di Brigata Antonio Raffaele, rispettivamente Direttore Generale dell’Ufficio scolastico Regionale della Campania e vertice del Comando militare Esercito “Campania”. L’obiettivo del progetto è sensibilizzare, in particolar modo i più giovani, sui rischi, anche gravissimi, che si corrono nel maneggiare con superficialità gli artifizi pirotecnici o peggio ancora, nell’impiegare fuochi illegali che non offrono alcuna garanzia e sono assimilabili a veri e propri “ordigni esplosivi”. L’iniziativa rientra nel “progetto Legalità” fortemente voluto tra l’Ufficio Scolastico Regionale della Campania e l’Esercito Italiano. Gli artificieri del 21° guastatori hanno maturato e continuano a sviluppare nuove esperienze di bonifica operativa nelle missioni fuori dal territorio nazionale e operano anche per la bonifica del territorio nazionale da ordigni residuati bellici. Parlando ai ragazzi, il messaggio più ricorrente è che bisogna perseguire la sicurezza attraverso la precisa ed intransigente applicazione delle procedure e delle regole; nella fattispecie, ciò si traduce nel rifiutare i fuochi illegali e nel seguire con scrupoli le indicazioni per l’uso che sono riportate all’esterno di tutte le confezioni di quelle legali e per la categoria consentita dalla legge.

 Comando Militare Esercito "Campania" Ufficio Reclutamento e Comunicazione 
Sezione Pubblica Informazione e Promozione dei Reclutamenti 
Via Colonnello Lahalle, 55 - 80141 Napoli Tel: 081-7487.604 - Fax: 081-7487.419